Clicca qui per tornare alla Home Page

Accedi ai servizi on line

 
 
Hai appena ricevuto i codici? Attivali ora!

Cos'è la SEPA?

La SEPA, Single Euro Payments Area (Area Unica dei Pagamenti in Euro) è l'area nella quale i consumatori, le imprese e gli altri operatori economici, indipendentemente dalla loro ubicazione, possono effettuare e ricevere pagamenti in euro all'interno di un singolo paese o al di fuori dei confini nazionali, alle stesse condizioni di base e con gli stessi diritti e doveri. In sostanza i clienti hanno la possibilità di raggiungere, a partire dal proprio conto, ogni altro rapporto bancario all'interno della SEPA.

Scopo della SEPA

  • promuovere l'integrazione europea attraverso un mercato dei pagamenti al dettaglio dell'area dell'euro concorrenziale e innovativo, in grado di apportare un più elevato livello di servizio, prodotti più efficienti e strumenti alternativi per eseguire pagamenti
  • utilizzare infrastrutture efficienti ed esclusivamente elettroniche per il trattamento dei pagamenti in euro, prassi operative comuni e una base giuridica armonizzata

La SEPA include 33 paesi:

  • 17 paesi della UE che utilizzano l'euro (Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna)
  • 11 paesi della UE che utilizzano una valuta diversa dall'euro sul territorio nazionale ma effettuano comunque pagamenti in euro (Bulgaria, Croazia, Danimarca, Lettonia, Lituania, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Svezia, Ungheria)
  • altri 5 paesi europei esterni all'UE che utilizzano una valuta diversa dall'euro ma effettuano pagamenti in euro (Islanda, Norvegia, Liechtenstein che fanno parte dello spazio Economico europeo (EEA), Svizzera e Principato di Monaco)

Applicazione della SEPA

Dal 01 febbraio 2014 il Regolamento UE (n. 260/2012) interesserà tutti i Bonifici e gli addebiti diretti comunemente conosciuti come RID (rapporti interbancari diretti) che verranno eseguiti secondo nuovi standard europei. Sono esclusi i pagamenti tramite assegni, cambiali, ri.ba., mav, rav, bollettino freccia, pagamento bollette, F24/F23, bollettino postale, carte di debito e credito e le operazioni di pagamento e incasso effettuate fuori dall'area Sepa.

A partire da tale data quindi non esisterà più la distinzione tra bonifico nazionale e bonifico estero all'interno dei Paesi UE e dei Paesi aderenti allo Spazio Economico europeo (EEA) ed i RID verranno definitivamente sostituiti dai nuovi Addebiti Diretti Sepa (SDD – Sepa Direct Debit).