Clicca qui per tornare alla Home Page

Accedi ai servizi on line

 
 
Hai appena ricevuto i codici? Attivali ora!

Eureka Model School (AID India)

A seguito del maremoto che colpì il Sud Est Asiatico il 26 dicembre 2004, il Gruppo Banca Sella ha avviato con AID (Association for India's Development) INDIA, importante associazione no profit operante in India, una campagna di raccolta fondi a favore dello sviluppo del Paese
Oltre alle erogazioni effettuate da clienti e colleghi (anche attraverso la scelta di donare 1 o più ore della propria retribuzione), a favore della campagna è stato inoltre devoluto il ricavato della vendita dei calendari MADE IN INDIA, realizzati con le fotografie scattate in India dai colleghi, ed organizzato l'evento UN CANESTRO D'AMORE, serata benefica di pallacanestro alla quale hanno partecipato i dirigenti del Gruppo Banca Sella e alcuni atleti della Pallacanestro Biella militante in serie A1.

La  posa della prima pietra

A maggio 2005 una prima tranche della somma raccolta è stata recapitata a AID INDIA, rendendo possibile l'acquisto del terreno e l'avvio dei lavori di costruzione.In occasione della posa della prima pietra fu organizzata una suggestiva cerimonia, come testimoniano le immagini.

Friends of Banca Sella Group School – I primi risultati

A poco più di un anno dalla chiusura della raccolta fondi, nell’agosto 2006 prende dunque forma per i bambini dei villaggi colpiti dallo tsunami il sogno di una scuola ispirata ai più moderni modelli pedagogici.
La Eureka Model School applica infatti tecniche formative basate sul gioco e il divertimento, secondo un modello didattico decisamente innovativo, che costituisce un punto di riferimento educativo per una cinquantina di altre strutture scolastiche presenti nelle vicinanze, allo scopo di uniformare, elevandolo, il livello qualitativo complessivo del sistema educativo di zona.
Siamo dunque orgogliosi per la nascita della Eureka Model School, che è stata scelta come modello educativo dell'UNICEF e che lo stesso governo indiano ha riconosciuto come iniziativa meritevole, tanto da assegnarci il riconoscimento che prima di noi solo la Microsoft aveva ricevuto per il suo sostegno al Paese.

Ricordiamo che la scuola si propone di lavorare in un ambiente che porti ad imparare senza paura e in maniera giocosa. Ogni tre mesi vengono effettuati dei test di apprendimento sulle varie aree di insegnamento. Questi test servono agli insegnanti per identificare eventuali difficoltà e correggerle. Le aree di insegnamento su cui vengono fatti i test sono 6 e sono le seguenti:

1. Capacità ambientali
Ai bambini viene richiesto di riconoscere frutti e vegetali, nominandoli sia in inglese sia in tamil, e le varie parti del corpo. I bambini più grandi sono invitati a descrivere anche le funzioni delle parti del corpo mostrate.

2. Capacità linguistiche
I bambini devono cantare una canzone e raccontare una storia. Viene anche richiesto di dare dimostrazione della comprensione del racconto facendo domande sulla storia stessa. Viene testata la conoscenza dell’alfabeto e per i più grandi vengono verificate anche le capacità di scrittura. I test sono fatti sia in inglese sia in tamil.

3. Capacità matematiche
Ai bambini viene richiesto di riconoscere i numeri e di contare con le perline. Gli alunni più grandi, delle 1° e 2° classi, vengono testati anche sulle addizioni, sottrazioni, sui giorni della settimana e i mesi dell’anno.

4. Capacità motorie
I test riguardano l’abilità dei bambini nel saltare, correre, rotolare, allungarsi e camminare seguendo una linea curva, ma anche la loro abilità nell’infilare perline in un filo, utilizzare le forbici per tagliare la carta, lavorare la creta e scrivere in corsivo.

5. Capacità sensoriali
Ai bambini viene chiesto di accoppiare immagini, riconoscere colori e gusti (salato, amaro e aspro) e individuare la direzione da cui proviene un suono (bendati).

6. Capacità sociali
Il test viene fatto sulla loro capacità di dare l’indirizzo di casa e parlare della loro famiglia. Viene anche valutata la loro capacità a vestirsi da soli e ad interagire con gli adulti.